La musica per un film sul Teatro Buffo

Cari tutti, sono felicissima di invitarvi Domenica 9 dicembre a Si mangia con le mani-Appunti sulla sessualità. Presenterò il mio cortometraggio dietro le quinte di Teatro Buffo…L'evento inizia alle 17 al Caffè Letterario di Roma in via Ostiense. Teatro Buffo incontrerà il pubblico per presentare il suo prossimo spettacolo e lanciare la campagna di crowdfunding ad esso associata.Sarò affiancata dal mio piccolo grande sostegno di Motimmagine: Teresa Farella, anche regista di Teatro Buffo.E Suzana Zlatkovic, coordinatrice del progetto.Qui il teaser del corto… Un grazie immenso a Joe Schievano e Soundrivemotion per la musica, assieme alla voce di Maria Roveran.E ovviamente a tutti i Buffi che sono meravigliosi in ogni situazione. Insomma….vi aspetto, tanti tantissimi!

Pubblicato da Jessica JJ Tosi su Giovedì 6 dicembre 2018

Trailer del corto “Teatro Buffo”, in presentazione a Roma al caffè Letterario per Motimmagine.

Diretto da Jessica Tosi, musica di Joe Schievano e con la voce dell’attrice e performer Maria Roveran.

intervista a Joe Schievano – premio Soundrivemotion 2016

 

Joe Schievano ci parla del premio Soundrivemotion 2016 al Sole Luna Doc Film Festival tenutosi a Treviso.

L’importanza della colonna sonora nei documentari e nei docufilm è fondamentale per il successo della pellicola.

La musica non solo emoziona, ma permette di informare, di anticipare una scena, di contestualizzare, di sottolineare e quando serve anche estremizzare, tutto ciò che viene percepito a livello visuale.

Fondamentale quindi, per ottimizzare lo sforzo produttivo impegato per girare l’opera, è una profonda e dettagliata attenzione verso la musica e il suono, compreso quindi il mixaggio e la masterizzazione finale di tutto l’audio in generale.

clicca per vedere le attività di mastering e mix di Soundrivemotion

Inner Me – Joe firma alcuni brani della colonna sonora

 

Dopo “The Silent Chaos”, girato in Congo, ecco “Inner me”, il nuovo documentario diretto da Antonio Spanò e con la sceneggiatura e produzione di Giacomo Spanò. Girato presso la comunità dei sordi del Butembo, Nord Kivu, R.D.Congo.

“Seguendo il vagabondare curioso di una ragazzina tra mercati affollati, mattatoi, fornaci e cacciatori di pipistrelli, incontriamo tre donne; le loro vite narrano la durezza di nascere donna e di essere sorde in una società che è ostile dell’una e dell’altra condizione”.

Le storie di Immaculée, Sylvie e Stuka sono storie di ogni giorno, di quotidiana fatica e di lotta contro soprusi e sopraffazioni.

Ma nella loro condizione di ultime tra gli ultimi, queste donne raccontano, anche e soprattutto, la caparbia volontà di riafferrare ogni mattina i fili incerti del loro destino.

Questa è una nota del regista:

“Inner Me è la nostra voce interiore. Quella voce che è così chiara dentro di noi ma così difficile da esprimere. Dentro ogni essere umano, indipendentemente dalle sue caratteristiche fisiche e caratteriali, risiede la voce del pensiero, l’Inner Me. Comunicare e creare relazioni sono necessità primarie per ognuno di noi; come regista mi sento spinto a raccontare storie che esprimano le sfide e le difficoltà che si compiono nel tentativo di comunicare agli altri il nostro mondo interiore, quello che pensiamo, quello che sentiamo e che desideriamo. Queste battaglie influenzano la nostra relazione con il mondo esterno.I sordi in questo senso diventano il paradigma di quanto sia difficile comunicare il nostro Inner Me.”

Joe schievano ha contribuito alla creazione della colonna sonora di alcuni brani del film, tra i quali il brano di apertura Shock Anthem

joe-schievano-2

Con Soundrivemotion ha partecipato alla postproduzione audio del film, con la collaborazione di Simone Chivilò

Vedi dettagli